Storie di Cleaning/ Un caso di successo nell'industria dolciaria

10 May 2021
industria dolciaria
Argomento
Eventi

Oggi vi presentiamo una case history di successo realizzata in una nota azienda della produzione dolciaria e da forno, dove la collaborazione tra ÈCOSÌ e GSG - Gestione Servizi Globali ha fruttato l'introduzione di un processo di cleaning su misura del cliente, attraverso l'ottimizzazione delle prassi esistenti e l'implementazione di migliorie metodologiche.

L'impresa partner

GSG è un'azienda di 200 persone con oltre 20 anni di attività nei servizi Food, Cleaning e Facility; ha sede principale a Padova, ma si trova capillarmente su tutto il territorio italiano. Si occupa di pulizia professionale e sanificazione: tecnici specializzati valutano attentamente materiali e caratteristiche degli ambienti costruendo un servizio calibrato. La principale caratteristica di GSG, come ci sottolinea Vaniska, è quella di essere estremamente flessibile: «Siamo fortemente orientati al cliente con uno spirito che va oltre al servizio, forniamo consulenza vera e propria. Abbiamo in squadra professionisti e operatori qualificati che rendono concreti gli obiettivi prefissati. Quello che proponiamo è quindi un pacchetto completo di soluzioni che comprendono tutti questi elementi».

L'analisi tecnica

«L'azienda in questione è una realtà molto nota nell'industria dolciaria italiana - racconta Vaniska Carraretto di GSG. Dopo un primo contatto di natura commerciale, si sono rivolti a noi per risolvere un problema tecnico molto importante: la pulizia delle teglie industriali dai residui di cottura ad alte temperature. Sappiamo bene che le operazioni di pulizia in ambito Food sono sottoposte a controlli molto stringenti, dunque è fondamentale disporre di procedure accurate per garantire la qualità del prodotto alimentare»; in questo caso GSG ed ÈCOSÌ hanno fatto squadra per strutturare una procedura di cleaning efficace e affidabile per le attrezzature da forno. 

Dai sopralluoghi sul campo, è emerso che le teglie in teflon venivano sottoposte a pulizia ordinaria con prodotti chimici non adatti e metodologie non uniformi. In seguito, in accordo col cliente, sono stati valutati gli obiettivi qualitativi da raggiungere e si è giunti alla formulazione della proposta tecnica.

Prosegue Vaniska: «Accadeva che il forno, dopo aver ricevuto dal nastro trasportatore le teglie con i preparati alimentari pronti per la cottura (ciambelle, crostatine e biscotti), segnalava un'anomalia per cui si sarebbe resa necessaria la sostituzione delle teglie, con il conseguente blocco della produzione. Un problema non da poco! Qui le possibilità per il cliente erano due: lavare la teglia o sostituirla con una nuova. Quest'ultima, una scelta davvero poco sostenibile...».

In risposta alla segnalazione dei macchinari, il cliente attuava un rilavaggio delle teglie con detergenti che tendevano ad alterare la teflonatura, senza produrre risultati soddisfacenti. Venivano impiegati prodotti non adatti a una disincrostazione di materiali deboli, esponendo le attrezzature al rischio di corrosione e a un improprio contatto tra alimenti e residui materiali. Danneggiando la superficie delle teglie, la cottura successiva era ovviamente peggiore, abbassando lo standard qualitativo dei prodotti. Inoltre questi residui organici rimanendo sulle superfici delle teglie, in cottura provocavano fumi che impattavano sull'ambiente.

La risoluzione del problema

Sono stati alcuni effettuati test operativi su macchinari e attrezzature e in seguito selezionati i prodotti e le metodologie l'industria alimentare tecnicamente più adatti. Attraverso l'individuazione di un lavaggio accurato e l'eliminazione dei rischi connessi alla catena del food processing, è stato raggiunto l'obiettivo di un'ottimizzazione di alto standard qualitativo.

Conclude la signora Carraretto: «La nota di maggior soddisfazione sottolineata dal cliente è stata la rapidità di intervento e di individuazione della soluzione definitiva, che i responsabili di stabilimento hanno potuto integrare immediatamente nelle procedure ordinarie. Questo è possibile solo quando s'incontrano gli stessi valori e si mette lo stesso impegno in una collaborazione sana e trasparente».

 

pies machine

In ÈCOSÌ è attiva una Food Division dedicata sia al supporto tecnico di imprese di cleaning e facility impegnate nel servizio di pulizia che all'intervento diretto nelle aziende alimentari di tutta Italia. Contattaci scrivendo una e-mail a marketing@ecosi.it per maggiori informazioni.

Il nuovo ammorbidente LOTUS

4 May 2021
tanica ammorbidente LOTUS
Argomento
Prodotti

Lotus il super profumato

ÈCOSÌ ha il grande piacere di presentare il nuovo ammorbidente liquido LOTUS, più di un ammorbidente, un vero e proprio progetto. 

Con LOTUS abbiamo elaborato il concetto di un ammorbidente molto più profumato mantenendo il suo standard performativo e qualitativo alto; una ricerca approfondita del nostro reparto tecnico e del laboratorio di ricerca e sviluppo ha creato un prodotto ad alta intensità olfattiva e con una persistenza durevole.

Un ammorbidente particolarmente indicato per strutture sanitarie e assistenziali, lavanderie a gettoni, lavanderie industriali, strutture allberghiere.

LOTUS garantisce alte prestazioni su ogni tipo di bucato e materiale. Il suo utilizzo è previsto per lavatrice domestica, industriale e per lavaggio a mano.

Oltre ad essere trasversale per il suo uso su tanti tipi di tessuto (dal sintetico all'organico) è anche versatile nel suo dosaggio: più o meno diluito offre vantaggi in termini di consumo del prodotto ed ottimizzazione dei costi. La sua resa però è sempre ad un livello qualitativo molto alto, lasciando il bucato morbido e profumato a lungo. 

Dai test che abbiamo condotto infatti, se il bucato lavato con LOTUS, una volta asciutto, viene riposto in luoghi chiusi come armadi o cassetti il suo profumo persiste per diversi giorni e al tatto i tessuti risultano molto più morbidi.

tessuto morbido

Formati

LOTUS è disponibile in taniche da 10/ 20/ 50 kg. Su specifica richiesta sono disponibili anche formati più grandi.

Approfondisci la scheda prodotto.

 

Perché abbiamo scelto il fiore di Loto? 

Oltre al fatto che il fiore di Loto emana un profumo piacevole e delicato, è da notare che si integra bene in qualsiasi ambiente si trovi, poiché il suo odore è discreto. Viene tollerato dalla maggior parte delle 'narici' e conferisce un senso di rilassamento e purezza. Il fiore di Loto infatti in aromaterapia stimola la distensione e la pace della mente. 

Il suo essere discreto non inibisce la persistenza, tanto che, ancorato alle fibre dei tessuti, permea lo spazio in cui si trova e si diffonde con estrema facilità. Il suo essere così intenso appunto non va a disturbare le percezioni olfattive di chi utilizzerà o indosserà i tessuti trattati con l'ammorbidente, anzi andrà ad armonizzare la sensazione gradevole a contatto con la stoffa

fiore di loto

Qui la piramide olfattiva della profumazione:

piramide olfattiva lotus

Vuoi testare il nostro prodotto?

Contattaci per avere la scheda tecnica e di sicurezza di LOTUS, scrivi a marketing@ecosi.it

Potremo programmare assieme la visita di un nostro tecnico. 

ÈCOSÌ partecipa al BeerAndFood Attractions 2021| Digital Edition

12 April 2021
banner beer_food
Argomento
Eventi

ÈCOSÌ partecipa attivamente come sponsor dell’edizione digitale di BeerAndFood AttractionThe Digital Event for eating out: nelle giornate del 12 e 13 aprile 2021.

L’industria del foodservice ha bisogno di ritrovarsi ed avere un unico punto di incontro per lo scambio professionale, questa volta in digitale 

Le due giornate saranno dedicate all’intera community dell’Out of Home per trovare nuove soluzioni e affrontare al meglio le sfide di un mercato che si evolve continuamente.

The Digital Event for eating out è la risposta all’esigenza dell’intero settore HO.RE.CA..
Il programma vedrà l’alternarsi di talks, workshop e dimostrazioni, momenti di confronto e formazione.

I temi principali spazieranno dalla sostenibilità alla digitalizzazione e all’analisi dei nuovi comportamenti di consumo. Non mancheranno interventi di esperti del settore, consulenti e manager dell’industria che illustreranno le innovazioni e racconteranno i cambiamenti in atto.

Anche ÈCOSÌ porterà la sua esperienza tecnica per quanto riguarda il cleaning del settore, potrete assistere al nostro intervento che si svolgerà alle ore 16.10 di oggi lunedì 12 Aprile.

 

Ecco i riferimenti per accedere all'evento che si svolgerà per tutta la giornata:

 

Per la diretta della 1ª parte ore 10:00 - 13:00

YouTube : https://youtu.be/dIKeGislUcM

Facebook : https://www.facebook.com/federazioneitalianacuochi/videos/743160963232405/

Linkedin: https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:ugcPost:6786206773650030592/

 

Per la diretta della 2ª parte ore 14:30 - 17:50

YouTube : https://youtu.be/kk_i_N89Mtg

Facebook : https://www.facebook.com/245029725526544/posts/4349745818388227/?d=n

Linkedin : https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:ugcPost:6786207385108267008/

 

box beer_food attr

Storie di Cleaning / Fassa Falcons: il valore dello sport nel cuore delle Dolomiti

7 April 2021
Fassa Falcons
Argomento
Eventi

Oggi ci spostiamo al cospetto dei Monti Pallidi e vi parliamo dei Fassa Falcons, squadra di hockey su ghiaccio che sosteniamo in qualità di main sponsor e che da generazioni è ambasciatrice di sani valori sportivi tra i giovani valligiani.

L'ice hockey è uno sport molto amato in val di Fassa: la sua pratica ufficiale iniziò nel 1955 e vedeva già allora un'attivissima partecipazione. La prima squadra dei Falcons è impegnata in massima serie, la AHL (Alps Hockey League), ma il suo cuore è animato da un ampio settore giovanile composto da ben sette categorie, dall'under 7 all'under 19. I pattini solcavano ancora il ghiaccio quando l'emergenza sanitaria ha bussato alle porte, ma i giovani non si sono mai arresi e l'entusiasmo non è mai venuto a mancare.

«L'hockey su ghiaccio è uno sport di origini antichissime - ci spiega Roberto Ongaro, presidente dell'associazione sportiva - e molto popolare nei paesi nordici, dove le superfici di laghi e fiumi si ghiacciano, trasformandosi in campi all’aperto. Il fatto che in Italia sia meno popolare fa sì che venga vissuto intensamente, come uno sport per veri e propri appassionati

Una stagione diversa dalle altre

Dopo un periodo di fermo nel 2020, reso obbligatorio dall'emergenza Covid, le squadre si sono organizzate al meglio e in sicurezza per proseguire gli allenamenti, soprattutto per il benessere dei più piccoli. Il campionato 2020/21 è stato esso stesso fortemente condizionato e sono state adottate misure molto stringenti per la preparazione e lo svolgimento dei match.

«Una volta predisposta la disinfezione continua degli ambienti e applicato i vari protocolli igienici nello stadio, si è tentato di ripartire con tanta buona volontà». Lo stadio è il "Gianmario Scola", il bellissimo palaghiaccio di Alba di Canazei; la casa dei Fassa Falcons, che ÈCOSÌ contribuisce a rendere sicuro con i propri prodotti e sistemi di pulizia dedicati agli impianti sportivi. I Falcons sono infatti riusciti a portare a termine una difficile stagione a porte chiuse, ma che ha dato minutaggio ai suoi giovani più promettenti e ha posto le basi per un pronto riscatto nella stagione a venire.

falcons team

Due parole sull'ice hockey

Ad alcuni appare come uno sport violento, duro, quasi una lotta, forse per via delle immagini "estreme" che ci giungono via tv dalle hockey league nordamericane. Per altri rappresenta una fede, uno sport che regala emozioni, dove i capovolgimenti di fronte sono continui e dove il risultato finale non è mai scontato.

I Falcons portano un messaggio importante: l’hockey su ghiaccio può dividere e unire, ma alla base rimane una disciplina che insegna i valori dello sport. Uno sport dove si coniugano forza esplosiva e destrezza; il giocatore di hockey su ghiaccio deve essere in grado di eseguire movimenti rapidi, possedere una buona dose di equilibrio tenendo conto del peso dell’attrezzatura che indossa.

La ripartenza a settembre

«Stiamo programmando già le iscrizioni per settembre - prosegue il presidente Ongaro - soprattutto per i più piccoli. I primi corsi sono dedicati ai bambini di sei anni: nell’hockey su ghiaccio il pattinaggio è fondamentale e a questa età i concetti dell’equilibrio vengono recepiti bene. E poi, l'integrazione è fondamentale: qui, attraverso lo sport, si portano avanti relazioni umane intense e sincere da tutta una vita!».

face off falcons

È proprio il "fattore umano" che rende speciale questa società. Accanto all'importantissimo lavoro di cultura sportiva che portano avanti sul territorio, i Falcons sono impegnati in attività benefiche in favore dei bambini più fragili, ai quali destinano in beneficenza il ricavato del merchandising della squadra. Sono attivissimi anche sui social network: ogni settimana viene resa disponibile on demand una nuova puntata della rubrica "Face Off", dove i giocatori si cimentano in prima persona a commentare l'andamento del campionato e a parlare un po' di sè.

A tutti loro, il nostro più grande augurio di una nuova stagione di successi e soddisfazioni!

 

Storie di Cleaning / La rivoluzione sostenibile di Eta Beta

23 March 2021
mascherine eta beta
Argomento
Eventi

Continuano le nostre storie di cleaning e passioni, di realtà che si mettono fortemente in gioco sui propri territori, che sanno coniugare qualità del lavoro e nobiltà degli obiettivi. Una di queste l'abbiamo sposata a prima vista, nel 2009, ed è ancora oggi una delle nostre più strette e vivaci collaborazioni. Vi raccontiamo della Cooperativa Eta Beta e della piccola rivoluzione che stanno realizzando, passo dopo passo, nel segno della sostenibilità e dell'inclusione sociale, anche grazie al lavaggio certificato di pannolini e mascherine.

Educazione, Salute, Sostenibilità ambientale

Eta Beta è una cooperativa sociale ONLUS nata nel 1992 a Bologna come associazione tra artisti impegnati nella ricerca e nella sperimentazione di materiali, con una particolare attenzione al sociale: nel tempo, è diventata una fucina di progetti volti a favorire opportunità di socializzazione e inclusione fondata su tre principi cardine: educazione, salute e sostenibilità ambientale. Dal concetto di lavoro come strumento essenziale per la dignità della persona e il progresso civile, scaturiscono le tante attività di collaborazione oggi in corso con enti pubblici e privati.

eta beta gruppo

Il progetto Lavanda

A parlarci del progetto attualmente più rappresentativo è il vicepresidente Joan Crous, mente visionaria, ma concreta: «È stato proprio nel 2009 e grazie alla bellissima collaborazione con ÈCOSÌ che nacque il nostro progetto Lavanda. Ci conoscemmo a una fiera dove presentavamo la nostra innovativa idea di lavaggio dei pannolini. Abbiamo iniziato utilizzare i prodotti ÈCOSÌ fin da subito, perché rispondevano alla nostra necessità di detergenti a basso impatto ambientale, che rispettassero determinate caratteristiche ecologiche e al contempo i materiali - molto delicati - di composizione dei pannolini. Così, abbiamo avviato un percorso di ricerca con l’Università di Bologna e l'area Ricerca e Sviluppo di ÈCOSÌ che ci ha consentito, nel 2011, di ottenere una soluzione di lavaggio certificata e molto efficace. Il progetto Lavanda è tutt’ora in campo, ha creato numerosi posti di lavoro all’interno della cooperativa e ha reso il nostro servizio di lavaggio dei pannolini molto apprezzato nei servizi pubblici».

Idee e azioni per l'era Covid: le mascherine rilavabili ETA 20

mascherine eta beta zerowaste

L'approccio fondato su sostenibilità ed efficienza ha trovato spazio anche in questa dura fase di emergenza sanitaria, che ha visto Eta Beta ed ÈCOSÌ insieme sul fronte della disinfezione: «Dal 2020, con la comparsa del Covid, ci siamo impegnati molto anche nel settore sanitario: collaboriamo con l’AUSL per la sanificazione di ambulanze nel comune di Bologna nell'ambito del progetto AlfaBeta. Inoltre, siamo riusciti a concretizzare un progetto di fabbricazione e riuso delle mascherine ETA 20, sulla falsa riga dell'esperienza di rilavaggio dei pannolini».

Un progetto ancora più ambizioso, ancora una volta in collaborazione con l'Università di Bologna e con Zero Waste Italy, che ha previsto la scelta di materiali certificati, la progettazione del sistema filtrante intercambiabile, la definizione del un processo deter-disinfettante con prodotti certificati Ecolabel ed EPD e l'allestimento di una lavanderia mobile all'interno di un container.

Proprio in questi giorni, la mascherina rilavabile ETA 20 è stata presentata e sostenuta in pubblico dalla Regione Emilia Romagna per voce della vicepresidente Elly Schlein, destando grande attenzione sulle testate locali e nazionali. La capacità produttiva è di 20mila pezzi a settimana e può essere acquistata sia dalle aziende che da privati cittadini direttamente dal sito di Eta Beta.

Continua a raccontarci Joan Crous: «Applichiamo nelle aziende una modalità di ritiro dello sporco, lavaggio e riconsegna del pulito, riducendo di ben venti volte lo spreco dell’usa e getta, all'interno di un servizio completo che abbiamo chiamato DPI Clean. Questi progetti ci caratterizzano e sono fondamentali per noi. La nostra speranza per il futuro è quella di sensibilizzare ancor di più gli enti pubblici italiani e internazionali nell'adozione di pratiche di riuso e azzeramento dei rifiuti. Siamo appena entrati in contatto con una multinazionale inglese che produce pannolini lavabili in tutto il mondo: vorrebbero adottare il nostro stesso sistema di lavaggio industriale».

Storie di Cleaning / L'intreccio tra vino e territorio: la Cantina Valpantena

18 March 2021
panoramica valpantena
Argomento
Eventi

Nella vocatissima zona enologica delle prealpi venete, visitiamo oggi gli stabilimenti di Cantina Valpantena. Con più di sessant'anni d'esperienza nel settore e presenza sul territorio, la cantina accoglie ad oggi circa 250 aziende agricole associate, che coltivano complessivamente circa 750 ettari di vigneti, di cui più di 30 a regime biologico e tutti compresi nelle zone a denominazione di origine controllata del territorio collinare veronese.

La grande passione di Cantina Valpantena è il motore di un costante miglioramento degli standard produttivi e qualitativi. La cantina investe annualmente nell’utilizzo di macchinari e tecniche all’avanguardia per conservare al meglio le proprietà delle uve e delle olive lavorate. Per l'igiene degli stabilimenti, hanno scelto le metodologie, i detergenti e i disinfettanti ÈCOSÌ.

A confermarci gli standard qualitativi è Manuel Orlandi, Enologo e Quality Manager della Cantina Valpantena: «Non ci fermiamo mai. Neanche in questo periodo difficile la produzione ha avuto degli stop. Ci siamo adeguati alle disposizioni e abbiamo ottimizzato i trasporti e incrementato le attività. Lavoriamo molto con la GDO e i nostri numeri sono in crescendo.».

team

Sarà proprio il territorio e la tradizione a ispirare un modello di agricoltura integrata e sostenibile capace di generare prodotti di qualità tracciabile e riconoscibile per il consumatore.

«Dal 2011, Cantina Valpantena aderisce a un programma nazionale di valutazione dell'impatto della viticoltura sull'ambiente (VIVA), che l'ha portata a raggiungere l'importante traguardo della Certificazione di Sostenibilità su Amarone DOCG e Valpolicella Superiore DOC, etichette di punta della linea Brolo dei Giusti.»

La partnership tra Cantina Valpantena ed ÈCOSÌ si è creata proprio sul filo della sostenibilità e della valutazione scientifica dei processi, mettendo a garanzia del rapporto tecnico il sistema di gestione della Sicurezza Alimentare certificato ISO 22000. Cantina Valpantena utilizza la nostra gamma di detergenza e disinfezione per il Wine & Beverage completamente esente da cloroderivati.

«Anche per quello che riguarda la sanificazione degli ambienti e la pulizia dei macchinari - continua Manuel Orlandi - abbiamo intensificato e modificato le nostre prassi quotidiane, sia in azienda che nei punti vendita. Dobbiamo garantire anche sicurezza

 

vino valpantena

La passione e l'attaccamento alla terra natia che traspare dai prodotti e dall'operosità della Cantina Valpantena riverberano sul territorio anche attraverso una serie di attività sociali e culturali, particolarmente importanti in un periodo segnato dalla pandemia e che complica molto le relazioni umane.

In settembre si è aperta una nuova edizione del premio di poesia promosso dalla Cantina, che ha accolto centinaia di componimenti e pubblicherà in primavera i testi migliori; in marzo, il concorso "Scuola Tecnologica" ha chiamato gli istituti primari alla realizzazione di un'etichetta speciale per una limited edition di Corvina IGT: il premio ha consentito l'acquisto di strumenti e dispositivi di supporto alla didattica per le classi coinvolte.

cantinavalpantena.it

Disponibili i certificati di Carbon Footprint su tutta la gamma CAM di ÈCOSÌ

15 March 2021
Disponibili i certificati di Carbon Footprint su tutta la gamma CAM di ÈCOSÌ
Argomento
Prodotti

Detergenti e disinfettanti ÈCOSÌ ai più alti standard di qualità certificativa

Disponibili i certificati di Carbon Footprint su tutta la gamma CAM di ÈCOSÌ

I 34 prodotti già conformi ai CAM Pulizia e Sanificazione 2021 adesso sono anche ISO 14067: massimizzato il profilo premiante in gara d'appalto

 

Abbiamo ufficialmente completato il percorso di audit secondo lo standard ISO 14067 e ottenuto i certificati di Carbon Footprint per tutti i nostri prodotti conformi ai Criteri Ambientali Minimi.

La CFP (Carbon Footprint di Prodotto) consente di dichiarare l’impatto ambientale di ciascun prodotto attraverso un valore di anidride carbonica equivalente (CO2e). Si tratta di una quantità espressa in kg, che viene calcolata analizzando in maniera capillare e approfondita tutti i dettagli del ciclo di vita di un singolo esemplare.

 

I prodotti più premianti del mercato professionale

I nuovi CAM Pulizia e Sanificazione – recentemente pubblicati in Gazzetta Ufficiale e in vigore da giugno 2021 – e il Codice dei Contratti Pubblici riconoscono espressamente la presenza di una CFP certificata ISO 14067 come requisito premiante nell’aggiudicazione delle gare d’appalto.

Ciò significa che scegliendo i prodotti ÈCOSÌ ci si assicura la massima prestazione premiante a livello certificativo, potendo beneficiare di una tripla certificazione di prodotto Ecolabel + EPD + CFP per la detergenza e PMC + EPD + CFP per la disinfezione.

> Scopri tutti i nostri prodotti conformi CAM

 

Pionieri della sostenibilità ambientale

Un risultato reso possibile in ÈCOSÌ grazie al percorso di tracciamento degli impatti iniziato nel 2011, con l’adozione della metodologia produttiva LCA (Life Cycle Assessment: Valutazione del Ciclo di Vita) e la certificazione EPD (Environmental Product Declaration: Dichiarazione Ambientale di Prodotto) di detergenti e disinfettanti. Dal 2018, le nostre bottiglie sono realizzate in plastica 100% riciclata e certificata PSV (Plastica Seconda Vita) e confezionate in scatole certificate FSC.

> Scopri di più sul nostro Programma Verde per la sostenibilità ambientale
> Consulta le certificazioni aziendali e di prodotto

Cos’è la Carbon Footprint di prodotto?

La ISO 14067:2018 quantifica le emissioni di gas serra relative all’intero ciclo di vita di un singolo prodotto. Questo significa che vengono prese in considerazione tutti i potenziali fattori inquinanti, tanto nella fase produttiva quanto in quelle precedenti e successive – dalla materia prima, al trasporto, all’impiego, fino allo smaltimento.

Questo consente di ottenere degli indici di riferimento per un costante miglioramento, anno per anno, della performance ambientale dei processi produttivi e all’individuazione di misure di bilanciamento e neutralizzazione degli impatti negativi sull’ambiente.

Contattaci

Storie di Cleaning / Biotech Riviera a Sanremo nei giorni del festival

2 March 2021
Riviera di Sanremo
Argomento
Eventi

Logo Biotech RivieraÈCOSÌ e Biotech Riviera a Sanremo nei giorni del Festival per rendere a prova di virus il circondario della kermesse. Ne parliamo con Roberto Grammatica, titolare di Biotech Riviera, l'azienda sanremese che si occupa della disinfezione del famoso Hotel Globo, dove alloggiano già da giorni staff, ospiti e concorrenti.

Fino a qualche anno fa, il nostro settore era considerato di nicchia o un plus riservato al lusso - racconta Roberto Grammatica – Essendo nati nel 2018, ci siamo trovati pronti a rispondere all’emergenza Covid con la necessaria preparazione, ma con un approccio tecnologico moderno. Abbiamo esperienza e credibilità sul territorio, pertanto non abbiamo dato l’impressione di lucrare in un momento così delicato per il nostro paese, anzi, siamo stati un punto di riferimento per il sanremese e per il Nord Italia.

roberto grammatica biotech

Biotech Riviera nasce come specialista di trattamenti anti-legionella e sanificazione dell’acqua, per poi unirsi alla battaglia contro il COVID 19; sceglie PEROX come PMC a base di perossido di idrogeno per i servizi di disinfezione e decontaminazione che hanno contraddistinto l’ultimo anno e la gamma disinfettanti ÈCOSÌ per tutte le operazioni ordinarie.

I protocolli di Biotech Riviera prevedono l’utilizzo di attrezzature fisse o mobili per la disinfezione ambientale e delle superfici, ponendo l’alta preparazione tecnica degli operatori a garanzia di massima affidabilità.

-         Hotel Globo Sanremo

Continua Roberto: «In questo clima di incertezza che permea il nostro territorio e poi tutto il paese, noi puntiamo sulla tecnologia e la preparazione specialistica. Saranno necessari nel prossimo futuro dei tecnici ambientali in ogni azienda e noi stiamo investendo nella formazione universitaria in questo settore specifico. Cerchiamo di far capire che ormai la disinfezione dovrebbe essere una pratica necessaria e continuativa in ogni settore.»

Intanto la bolla protettiva all’Hotel Globo di Sanremo è in funzione per difendere lo staff e le star del più celebre Festival d’Italia predisponendo misure di sicurezza igienica a tutti i livelli di accesso: dall’ingresso alla hall, alle camere e agli spazi privati, passando per ambienti ristorativi e aree comuni, attraverso sanificazioni programmate in base alla presenza dell’ospite o in momenti di più alta frequentazione.

Prassi igieniche - Prevenzione e decontaminazione Coronavirus

16 October 2020
Corrette prassi igieniche e prevenzione di infezioni virali con disinfettanti PMC certificati
Argomento
Prodotti

Il Ministero della Salute ha diramato un decalogo di precauzioni e buone pratiche per contenere i rischi correlati all’infezione da nuovo coronavirus.

Il punto 6, denominato “PULISCI LE SUPERFICI CON DISINFETTANTI A BASE DI CLORO O ALCOL” fa esplicito riferimento alla disinfezione con prodotti specifici ad azione virucida.

Per garantire una corretta ed efficace disinfezione supportando adeguatamente le operazioni di prevenzione e decontaminazione ÈCOSÌ mette in campo l'efficacia dei suoi disinfettanti presidi medico-chirurgici (PMC), registrati presso il Ministero della Salute con efficacia comprovata secondo le normative UNI EN di riferimento.

RifraxSan - Disinfettante detergente pronto all'uso per superfici a rischio di contaminazione

DeornetClor - Disinfettante detergente sgrassante cloroattivo

Aderiamo al Global Compact delle Nazioni Unite

15 October 2020
UN Global Compact
Argomento
Azienda

Per la sostenibilità globale

Il Global Compact è un patto internazionale promosso dalle Nazioni Unite per incoraggiare lo sviluppo sostenibile e la responsabilità sociale. Si basa su 4 principi fondanti (Diritti umani, Lavoro, Ambiente e Anti-Corruzione) e 17 obiettivi globali.

Le aziende partecipanti si impegnano a perseguire tali obiettivi e a comunicare pubblicamente i propri progressi su base annuale.

La nostra filosofia aziendale è da sempre allineata a questi valori, pertanto nel 2020 abbiamo aderito al Global Compact, con lo scopo di portare un contributo concreto alla causa della sostenibilità e unire le forze con le altre aziende del network italiano.

Con il primo Communication on Progress sottoposto al board di valutazione, ci è stato riconosciuto un impegno fattivo su tutti e quattro i principi primari e su 13 dei 17 global goals che ne derivano (Buona salute e benessere; Uguaglianza di genere; Acqua pulita e igiene; Energia pulita e accessibile; Lavoro dignitoso e crescita economica; Industria, innovazione e infrastruttura; Città e comunità sostenibili; Consumo e produzione responsabili; Azione climatica; Vita sott'acqua; Vita sulla terra; Pace e giustizia, istituzioni forti; Collaborare per obiettivi).

Scarica il report annuale 2020: COP 2020